Padiglione Iran

Expo Milano 2015
Vai a:

Numeri

  • Settore: Expo
  • Sub-appaltatore: Atir Srl
  • Data di realizzazione: 7/7/1905
I tre temi guida dell’idea del Padiglione iraniano di Expo Milano 2015, sono riassunti da un elemento: il sofreh, un riquadro di stoffa che rappresenta la tavola imbandita, uno degli oggetti più significativi per la cultura culinaria iraniana. Da questo elemento deriva, l’architettura del Padiglione: una struttura aperta simile a una tenda la cui superficie interna ricorda il disegno tipico del sofreh. Il suo tessuto racconta la storia del cibo e dell’agricoltura del popolo iraniano. Gradualmente la superficie si dispiega in aria in una parete curva a cellule triangolari; sul soffitto vi è un mosaico di specchi. Il padiglione è diviso in due livelli distinti: la parte superiore è dedicata allo spazio espositivo, diviso secondo le sette regioni climatiche dell’Iran, e quella inferiore è riservata ai prodotti tipici e alla cucina iraniana.

Installazione

Il pacchetto utilizzato come tamponatura esterna con il sistema AquaBoard ha permesso di ottenere ottime prestazioni sia igro-termiche che acustiche: la soluzione prevede, oltre alla lastra esterna PregyAquaBoard, un isolamento in lana minerale, all’interno dell’orditura della struttura metallica, e due lastre verso l’ambiente interno, di cui una accoppiata con barriera al vapore, per evitare condense interstiziali. AquaBoard si è adattata facilmente alle forme arrotondate del padiglione, grazie alla sua flessibilità e lavorabilità.

AquaBoard allowed to obtain excellent hygrothermal and acoustic performance with easy adaptation to the rounded shapes of the pavilion, thanks to its flexibility and workability.

Risultato finale

Impatto Locale

Through the use of advanced materials and solutions the pavilion was built in full compliance with the design requirements and the fundamental values of EXPO such as innovation and sustainability.