Padiglione Malesia

Expo Milano 2015
Vai a:

Numeri

  • Settore: Expo
  • Progettista: Serina Hijjas, Ahmad Shuhemi, Chiun Wee Lim, Akmal Bokhari, Atishay Jain, Tengku Inda Syazwi, Nazirul Safry
  • Sub-appaltatore: Atir Srl
  • Data di realizzazione: 7/7/1905
Il Paese invita i proprio visitatori a ripensare all’approccio al cibo in maniera più salutare e sostenibile. Il messaggio trasmesso è che un’agricoltura di qualità e di piccola scala possa combattere efficacemente la povertà e contribuire all’equilibrio dell’ecosistema locale. La struttura è infatti realizzata in modo da richiamare concettualmente la biodiversità della foresta pluviale, che per la Malesia, rappresenta la fonte di approvigionamento della vastità di semi alla base della loro tradizione culinaria. Il padiglione è stato suddiviso in 4 edifici realizzati a forma di semi e definiti da una struttura reticolare a vista in Glulam, un legno lamellare malese sostenibile. La necessità di realizzare il padiglione in tempi brevi ha trovato soluzione nell’utilizzo delle soluzioni a secco Siniat. L’intero padiglione ha una superficie di 2.047 mq.

Installazione

Le soluzioni fuoco prevedevano pareti di compartimentazione, realizzate con pareti a singola orditura e doppie lastre fuoco per parte, e controsoffitti a membrana EI60 con doppie lastre fuoco. Nei locali umidi sono state applicate una lastra PregyPlac, montante verso l’orditura metallica, e una Pregydro, montante verso l’ambiente con presenza di umidità. L’esigenza di dover tamponare una parte della struttura reticolare dell’involucro dalla geometria triangolare ha trovato risposta nel sistema AquaBoard con cui sono state chiuse facilmente le porzioni grazie alla sua elevata lavorabilità.

The need of having to dab a part of the casing reticular structure, with a triangular geometry, has found answer in AquaBoard system with which the portions have been closed easily due to its high workability.

Risultato finale

Impatto Locale

Through the use of advanced materials and solutions the pavilion was built in full compliance with the design requirements and the fundamental values of EXPO such as innovation and sustainability.